Artrite reumatoide e inquinamento atmosferico

Posted by: | Posted on: gennaio 22, 2015

L’artrite reumatoide è caratterizzata dalla presenza di autoanticorpi, noti come fattore reumatoide, e da un’artrite infiammatoria che può causare invalidità permanente e riduzione della durata di vita media. Questi autoanticorpi possono essere presenti nel sangue dei pazienti anche numerosi anni prima della comparsa dei sintomi tipici dell’artrite reumatoide, suggerendo che i fattori coinvolti nella patogenesi autoimmunitaria dell’artrite reumatoide cominciano ad agire prima della comparsa dei sintomi articolari e degli altri sintomi o segni caratteristici che consentono di diagnosticare clinicamente la malattia. Le cause dell’artrite reumatoide non sono note. L’esistenza di una correlazione fra artrite reumatoide e inquinamento atmosferico e/o altri  fattori ambientali,  come il fumo di sigaretta e i silicati, sono stati associati con un aumentato rischio di artrite reumatoide, suggerendo che l’esposizione ad inquinanti veicolati dall’aria atmosferica possa innescare una risposta autoimmunitaria. In molti soggetti affetti da artrite reumatoide sono dimostrabili anomalie infiammatorie delle vie aeree che invece sono meno frequenti in soggetti negativi per il fattore reumatoide. Anche queste osservazioni suggeriscono che l’infiammazione possa iniziare nei polmoni, forse innescata da fattori diversi dal fumo di tabacco presenti nell’aria inspirata, per esempio inquinanti contenuti nel particolato atmosferico. In uno studio condotto in America su infermiere sane è stato evidenziato un aumentato rischio di artrite reumatoide nelle donne residenti in vicinanza delle principali strade ad elevato volume di traffico veicolare. La residenza in prossimità delle grandi arterie stradali è considerata un parametro surrogato dell’inquinamento atmosferico.

In questo studio i ricercatori si sono posti l’obiettivo di trovare prove a sostegno, o a sfavore, dell’ipotesi dell’associazione fra artrite reumatoide e inquinamento atmosferico , in particolare che l’esposizione al PM 2,5 e al PM 10, valutata come media annuale delle rispettive concentrazioni, aumenti il rischio della formazione di autoanticorpi e della comparsa del fattore reumatoide e di altre anomalie articolari presenti nelle fasi più precoci dell’artrite infiammatoria.

La popolazione inserita nello studio comprende un gruppo di familiari di primo grado di soggetti affetti da artrite reumatoide, i quali accettarono di partecipare al progetto the Studies of the Etiology of Rheumatoid Arthritis (SERA), condotto in alcuni Stati americani.

Erano disponibili dati relativi a 1767 soggetti, nei quali, dopo correzione per età, gruppo etnico di appartenenza, sesso, fumo di sigaretta, scolarità e città di residenza non fu osservata alcuna associazione significativa fra concentrazioni ambientali di PM 2,5 e PM 10 e i livelli di autoanticorpi, di proteina C reattiva né con anomalie articolari.

In conclusione, in questo studio le media annuali di particolato atmosferico non risultarono associate con la positività per gli autoanticorpi o con anomalie articolari in soggetti a rischio di sviluppare un’artrite reumatoide. Addirittura, i ricercatori osservarono una tendenza verso associazione inversa fra livelli di particolato e concentrazioni di proteina C reattiva o di autoanticorpi, osservazione che depone contro l’ipotesi che il particolato aumenti il rischio di artrite reumatoide, aumento del rischio osservato in alcuni studi precedenti.

L’inquinamento atmosferico causa inoltre malattie dell’apparato respiratorio, dell’apparato cardiovascolare, ictus cerebrale, cancro polmonare, altri tumori, malformazioni congenite e basso peso alla nascita, autismo, diabete mellito, malattia di Alzheimer, ridotto sviluppo intellettivo dei bambini..

Riferimenti bibliografici

1: Gan RW, Deane KD, Zerbe GO, Demoruelle MK, Weisman MH, Buckner JH, Gregersen PK, Mikuls TR, O’Dell JR, Keating RM, Holers VM, Norris JM. Relationship between air pollution and positivity of RA-related autoantibodies in individuals without established RA: a report on SERA. Ann Rheum Dis. 2013 Dec;72(12):2002-5. doi: 10.1136/annrheumdis-2012-202949. Epub 2013 Apr 9. PubMed PMID: 23572338; PubMed Central PMCID: PMC3818364.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
La sensibilità delle donne agli idrocarburi policiclici aromatici, allo stress ossidativo e ai danni cromosomici è maggiore che nei maschi

Gli idrocarburi policiclici aromatici sono, fra i componenti del particolato atmosferico, quelli dotati con ogni probabilità di maggiore tossicità. Sono...

Chiudi