Inquinamento atmosferico e anomalie cromosomiche dello sperma

Posted by: | Posted on: gennaio 17, 2015

Gli spermatozoi umani sembrano essere portatori di anomalie cromosomiche molto più frequentemente rispetto alle cellule germinali degli animali da esperimento. È stato riportato che circa il 10% degli uomini normali hanno spermatozoi con anomalie cromosomiche. In particolare inquinamento atmosferico e anomalie cromosomiche dello sperma sono stati correlati in almeno uno studio.  Le cause della  maggiore frequenza di anomalie cromosomiche nella specie umana non sono note, ma secondo alcuni andrebbero ricercate nella crescente esposizione a fattori tossici ambientali. Questa esposizione spiegherebbe anche una notevole eterogeneità individuale per quanto riguarda le anomalie cromosomiche presenti nello sperma.

Secondo alcuni studi, l’aneuploidia è l’anomalia cromosomica più frequente degli esseri umani, con una frequenza dello 0,3% dei neonati. Gli esseri umani sembrano anche essere la specie animale nella quale è più elevata frequenza di anomalie cromosomiche, che avverrebbero in circa il 50% dei concepimenti. La maggioranza di queste anomalie cromosomiche risulta letale e viene persa durante lo sviluppo embrionale, manifestandosi clinicamente come infertilità o aborti spontanei. Alcune anomalie cromosomiche, per esempio la disomia dei cromosomi 13,18 21, o l’aneuploidia dei cromosomi sessuali non sono letali e sopravvivono fino al termine della gravidanza.

Inquinamento atmosferico e anomalie cromosomiche dello sperma

Alcune anomalie morfologiche degli spermatozoi

Numerose molecole sintetiche mimano l’azione di ormoni endogeni e possono alterare la capacità riproduttiva. La disomia dello sperma nell’uomo può essere aumentata dall’abuso di alcol, dal fumo di tabacco, dall’età avanzata, da polimorfismi del DNA. Anche pesticidi e farmaci antineoplastici sono stati associati con aneuploidia degli spermatozoi.

Gli studi che hanno analizzato la relazione fra inquinamento atmosferico e a neoplasia dello sperma non sono numerosi, ma in uno di questi è stato osservato che l’esposizione ad elevati livelli di inquinamento atmosferico aumentava la frequenza di disomia dei cromosomi YY.

Gli autori di questo studio polacco hanno analizzato se l’esposizione a specifici inquinanti atmosferici (ozono, ossidi di azoto, biossido di zolfo, monossido di carbonio, PM 10 e PM 2,5) aumenta il rischio di disomia dello sperma.

Lo sperma fu prelevato a 212 maschi seguiti presso una clinica per l’infertilità. Il 41% dei maschi, che avevano un’età media di 32 anni, erano fumatori, con una durata di infertilità di coppia variabile da uno a tre anni.

Inquinamento atmosferico e anomalie cromosomiche dello sperma, una possibile spiegazione di molti casi di infertilità maschile

Dopo correzione per l’età, il fumo di sigarette, il consumo di alcol, la temperatura ambientale, la stagione, le malattie pregresse e altri fattori potenziali di confusione fu osservata una significativa associazione fra esposizione al PM 2,5 e disomia Y, disomia dei cromosomi sessuali e disomia del cromosoma 21. Anche l’esposizione al PM10 era associata con la disomia 21. L’associazione fra concentrazione di PM 2,5 e disomia Y e 21 rimaneva significativa anche dopo correzione per il fumo di sigaretta.

In conclusione, i risultati di questo studio condotto su 212 maschi in Polonia, confermano l’associazione fra esposizione al particolato atmosferico e anomalie dei cromosomi degli spermatozoi, in particolare con la disomia Y, la disomia dei cromosomi sessuali e la disomia del cromosoma 21 nel caso del PM 2,5 e, nel caso del PM 10, l’associazione con la disomia del cromosoma 21. L’associazione rimaneva significativa anche dopo correzione per il fumo di sigaretta, che è uno dei principali fattori noti per la sua capacità di indurre anomalie cromosomiche negli spermatozoi umani. La correlazione fra Inquinamento atmosferico e anomalie cromosomiche dello sperma merita ulteriori studi.

L’inquinamento atmosferico causa inoltre malattie dell’apparato respiratorio, dell’apparato cardiovascolare, ictus cerebrale, cancro polmonare, altri tumori, malformazioni congenite e basso peso alla nascita, autismo, diabete mellito, malattia di Alzheimer, ridotto sviluppo intellettivo dei bambini. alterazioni delle risposte immunitarie.

Riferimenti bibliografici

1: Jurewicz J, Radwan M, Sobala W, Polańska K, Radwan P, Jakubowski L, Ulańska A, Hanke W. The relationship between exposure to air pollution and sperm disomy.Environ Mol Mutagen. 2014 Jul 3. doi: 10.1002/em.21883. [Epub ahead of print]PubMed PMID: 24989325.

 

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
Effetti dei motori diesel sui linfociti: i gas di scarico alterno la funzione del sistema immunitario

Il gas emesso dai tubi di scarico dei motori diesel contiene, fra l'altro, particelle fini, cioè materiale particolato con un...

Chiudi