Esposizione materna durante la gravidanza al tetracloroetilene e restrizione della crescita fetale

Posted by: | Posted on: gennaio 7, 2015

Negli anni 1980-1985 in alcuni pozzi di una base della marina militare americana fu scoperta la presenza di composti organici volatili (VOC), soprattutto il tetracloroetilene proveniente da un deposito di rifiuti, principalmente solventi utilizzati per la pulizia dei locali della base che era stata aperta nei primi anni 1940. La quantità massima di tetracloroetilene fu 215 parti per miliardo nel febbraio 1985. Nel sistema di distribuzione delle acque erano presenti anche tricloroetilene, trans-1,2-dicloroetilene e cloruro di vinile come prodotti di degradazione del percloroetilene e benzene. Per queste molecole vi è il sospetto di un’associazione con difetti della crescita del feto, soprattutto per quanto riguarda tetracloroetilene e restrizione della crescita fetale.

In questo rapporto sono riferiti i risultati di uno studio condotto per stabilire se l’esposizione materna ai solventi contaminanti l’acqua potabile distribuita nella base di Camp Lejeune era associata ad alcuni difetti neonatali come nascita prematura o restrizione della crescita fetale. In un altro studio sono riportati i risultati relativi all’aumento dei difetti del tubo neurale nei nati da madri esposte all’acqua potabile contaminate della base militare.

Per quanto riguarda il parametro feto piccolo per l’età gestazionale, l’odds ratio [OR] per il tetracloroetilene nelle donne maggiormente esposte risultò di 1,5 (il 55% 1,2-1,9), anche se non c’era una correlazione monotonica fra esposizione e risposta. Infatti l’OR aumentava progressivamente fino a circa il 95º percentile di esposizione per poi ridursi leggermente per le esposizioni più elevate.

Tetracloroetilene e restrizione della crescita fetale, associazione confermata

Nel caso delle nascite pretermine, per l’esposizione nel secondo trimestre nella categoria di maggior esposizione al tetracloroetilene, l’odds ratio [OR] era 1,5 (IC 95% =1, 1-2,0) rispetto ad un OR = 1,3 (IC 95% = 1,0-1,6) per la categoria più elevata di esposizione al tetracloroetilene durante l’intera gravidanza, con una correlazione monotonica fra esposizione al tetracloroetilene nel secondo trimestre e nascita pretermine.

Nel caso dei nati a termine con basso peso, fu osservato un OR = 1,3 (IC 95% = 0,8-2,2) nelle donne maggiormente esposte durante l’intera gravidanza al tetracloroetilene, mentre l’OR era 1,6 (IC 95% = 1,0-2,6) nelle donne maggiormente esposte secondo trimestre con una correlazione monotonica fra esposizione e risposta. Nella categoria di maggiore esposizione al benzene durante l’intera gravidanza fu osservato un OR = 1,5 (IC 95% = 0,9-2,3) con una correlazione monotonica fra esposizione e risposta.

In conclusione, i risultati di questo studio dimostrano che l’esposizione in utero al tetracloroetilene e/o ai suoi prodotti di degradazione e al benzene presenti nell’acqua potabile somministrata per decenni ai militari di una base americana era associata con prematurità e altri difetti tipici della restrizione della crescita fetale. Pertanto, i risultati dello studio qui presentati aggiungono altre prove consistenti a quelle già note sugli effetti deleteri per la salute umana derivanti dall’esposizione a solventi presenti nell’acqua potabile.

Riferimenti bibliografici

1: Ruckart PZ, Bove FJ, Maslia M. Evaluation of contaminated drinking water and preterm birth, small for gestational age, and birth weight at Marine Corps Base Camp Lejeune, North Carolina: a cross-sectional study. Environ Health. 2014 Nov 20;13:99. doi: 10.1186/1476-069X-13-99. PubMed PMID: 25413571; PubMed Central PMCID: PMC4247681.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
Pesticidi e cancro della vescica – Rischio aumentato negli agricoltori americani

L'esposizione dei lavoratori alle ammine aromatiche è da tempo riconosciuta come un fattore causale del cancro della vescica, diverse ammine...

Chiudi