Senza categoria

now browsing by category

 
Posted by: | Posted on: febbraio 28, 2016

ISDE Veneto emette un comunicato stampa sull’inadeguatezza della commissione PFAS

Dopo la recente pubblicazione del verbale della seduta del 13 gennaio u.s. della Commissione tecnica che si occupa della contaminazione delle falde acquifere e della catena alimentare da PFAS in Veneto, il Coordinamento delle sezioni provinciali venete dell’associazione  medici per l’ambiente-ISDE Italia onlus, condivide le preoccupazioni e perplessità della responsabile della commissione.

Nel verbale si mettono in luce gravi lacune nella gestione dell’emergenza rappresentata dalla contaminazione delle acque da PFAS, che riguarda circa 350.000 persone di 60 comuni veneti. Affiorano chiaramente difficoltà e inadeguatezze in seno alla stessa Commissione mista Regione Veneto-Istituto Superiore di Sanità nell’affrontare e governare il grave inquinamento ambientale. Nessuno dei Membri della Commissione, tranne uno, pare si sia mai occupato prima del 2013 in modo specifico di PFAS. Per questo motivo nell’autunno 2014 la nostra associazione aveva chiesto, senza ricevere ad oggi risposta alcuna, l’inserimento nella suddetta commissione di esperti indipendenti come il professor  Tony Fletcher, della  London School of Hygiene and Tropical Medicine, Londra. Read More …

Posted by: | Posted on: settembre 7, 2015

Anche il Sole24 ore parla dei PFAS

Cliccare qui per leggere un breve resoconto sul problema dei PFAS scritto per il sole 24 ore deiprimi di maggio 2015 ad opera di Vincenzo Cordiano

Posted by: | Posted on: dicembre 16, 2014

I composti perfluoroalchilici PFOA, PFOS, PFNA e PFHxS aumentano i livelli di colesterolo ed il peso corporeo in una popolazione adulta americana.

La somiglianza strutturale dei composti perfluoroalchilici con gli acidi grassi e la scoperta che essi si legano ai peroxisome proliferator-activated receptor (PPAR), una famiglia di recettori nucleari che svolgono un ruolo essenziale nel controllo del metabolismo lipidico e nell’adipogenesi, suggerisce che queste molecole alterino i meccanismi di regolazione dei lipidi e del peso corporeo. Infatti, la riduzione dei livelli di colesterolemia è stato uno dei primi effetti collaterali segnalati negli studi animali trattati con alte dosi di composti perfluoroalchilici. Tuttavia, diversi studi condotti nell’uomo indicano che l’esposizione ai due principali composti perfluoroalchilici, l’acido perfluoroottanoico (PFOA) e l’acido perfluoroottaanosulfonato (PFOS), aumenta i livelli di colesterolo nel siero. Le prove a favore di un’associazione fra composti perfluoroalchilici con il peso corporeo e la resistenza all’insulina sono molto più deboli.

L’aumentata prevalenza della sindrome metabolica, che comprende obesità, dislipidemia e resistenza all’insulina sta diventando un problema di salute pubblica in tutto il mondo, anche nei bambini, essendo strettamente correlata con le coronaropatie e le malattie degenerative croniche. Sebbene le modificazioni della dieta, ll’aumento delle calorie ingerite e la riduzione dell’attività fisica siano fattori indubbiamente importanti nel determinare la progressione costante di questa tendenza, nella comunità scientifica sta aumentando sempre di più l’interesse verso l’ipotesi che gli interferenti endocrini svolgono anch’essi un ruolo considerevole.

Read More …

Posted by: | Posted on: dicembre 3, 2014

I composti perfluoroalchilici (PFAS) aumentano il rischio di cancro della prostata

I fattori di rischio per il cancro alla prostata sono numerosi ed eterogenei: fattori genetici, infettivi, infiammatori, età, dieta, gruppo etnico di appartenenza, eccesso di androgeni, gli ormoni sessuali maschili.

Fra i fattori di rischio recentemente identificati vi sono i composti perfluoroalchilici o PFAS. Queste molecole artificiali sono state associate con diversi tipi di cancro, prevalentemente a carico delle vie genito-urinarie (testicolo, prostata, reni, vescica) sia nei lavoratori esposti per motivi professionali che negli individui residenti in aree contaminate. Read More …