polimorfismo genetico

Posted by: | Posted on: dicembre 8, 2014

Per polimorfismo in biologia si intende la coesistenza di  due o più fenotipi diversi nella stessa popolazione.  I polimorfismi, per essere definiti tali, devono essere presenti nello stesso tempo e nello stesso habitat e appartenere ad una popolazione pammittica (cioè soggetta ad accoppiamento casuale).

Il polimorfismo è frequente in natura, essendo  legato alla biodiversità, alla variabilità genetica e alla capacità di adattamento. Gli esempi più comuni sono il dimorfismo sessuale  in molti organismi, le forme di mimetismo nelle farfalle, l’emoglobina umana e i gruppi sanguigni.

Il polimorfismo è conseguenza del processo evolutivo, è ereditabile, e viene modificato dalla selezione naturale.Il termine è usato anche in modo diverso dai biologi molecolari per descrivere le mutazioni puntiformi nel genotipo, come negli SNPs.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *